ATTENZIONE: Tutti i soci del PSAI hanno diritto a partecipare alla definizione del programma politico.

In preparazione dell’Assemblea Costituente, vi invitiamo a mandare i vostri spunti programmatici e le vostre riflessioni in generale sul Partito che serve all'Italia alla seguente email: redazione@partitocheserveallitalia.it.  Le proposte saranno condivise sul blog, valutate e poi messe in discussione e votate dall’Assemblea stessa.

Il Blog del Partito che serve all'Italia

0
0
0
s2smodern

Per molteplici ragioni che spiegheremo nei prossimi giorni, i tempi drammatici e titanici che l’Italia sta vivendo nel suo rapporto con gli altri Paesi europei e con la propria organizzazione socio-economica ed istituzionale, richiedono la realizzazione di un nuovo soggetto politico-partitico (distinto, separato e indipendente dalla prospettiva metapartitica del Movimento Roosevelt- www.movimentoroosevelt.com  e da quella partitica o movimentista di altre entità già esistenti).

Diamo provvisoriamente a questo nuovo soggetto politico-partitico il nome di “Partito che serve all’Italia”, in attesa che gli iscritti alla sua Assemblea costituente decidano democraticamente e pluralisticamente per una denominazione più precisa e definitiva.

E invitiamo singole cittadine e cittadini ad iscriversi a tale Assemblea costituente, seguendo le semplici istruzioni illustrate in:

https://www.ilpartitocheserveallitalia.it/

Invitiamo poi alla lettura di:

http://www.democraziaradicalpopolare.it/Il-Partito-che-serve-all-Italia-verso-un-ulteriore-importante-appuntamento-fissato-al-22-dicembre-2018.html

http://www.democraziaradicalpopolare.it/La-crisi-di-identita-e-di-idee-del-Partito-Democratico-e-il-Partito-che-serve-all-Italia.html.

E, come primo motivo/movente per l’iscrizione al “Partito che serve all’Italia”, rendiamo noto che è intenzione del Comitato costitutivo di questo nuovo Partito introdurre in Italia, anche accanto alla valuta euro, una moneta non a debito a circolazione nazionale, in attesa di riformare l’eurozona, trasformando l’attuale “euro” da moneta ostaggio di poteri privati e tecnocratici in valuta gestita da poteri pubblici e politici democraticamente legittimati.

Riguardo a questa moneta non a debito a circolazione nazionale, per iniziare a dissodare il terreno, rinviamo a:

https://www.youtube.com/watch?v=P96F3ojhrVA

https://www.youtube.com/watch?v=8l7XxRSYOFQ

Ricevi la nostra Newsletter