Il Blog del Partito che serve all'Italia

0
0
0
s2smodern

Gioele Magaldi (Presidente del matapartitico Movimento Roosevelt, Gran Maestro del Grande Oriente Democratico e Sovrano Gran Commendatore e Patriarca del Rito Europeo Universale) si è dato fin qui molto da fare per favorire l’iscrizione di cittadine e cittadini italiani all’Assemblea Costituente del Partito che serve all’Italia (PSAI)

I risultati sono stati tutto sommato lusinghieri, specie considerando la generale disaffezione della popolazione italiana rispetto a vecchi e nuovi progetti politici.

Rispetto ai primi partecipanti ad una riunione organizzativa di dicembre 2018, il successivo 10 febbraio 2019 gli iscritti al PSAI risultavano significativamente aumentati.

Poi, contrariamente a quanto si disse durante la riunione al Teatro Petrolini di febbraio, si è potuto registrare uno scarso impegno- da parte dei cittadini già iscritti- nel cercare di coinvolgere propri familiari, amici, colleghi e conoscenti rispetto a questo nuovo soggetto politico-partitico.

 

Ecco perché, come rilanciato anche in

 

Partito che serve all’Italia: ci sono praterie sconfinate di consensi popolari in libera uscita da intercettare, ma gli iscritti devono darsi una svegliata e fare maggior proselitismo tra familiari, amici, colleghi e conoscenti.

 

al termine della più recente puntata di “Gioele Magaldi racconta”  e cioè in

 

https://www.youtube.com/watch?v=JOQuVV8_NNI

 

Magaldi ha dichiarato che, se a partire dal 25 aprile in poi, non vi sarà una massa imponente di nuove iscrizioni (propiziate soprattutto dal ruolo di testimonial di altri “opinion-maker” ed “influencer” interni all’operazione, ma anche da semplici iscritti in grado di diffondere il verbo “psaista”), egli sospenderà il suo impegno in favore del Progetto.

 

Meditate gente, meditate.